domenica 10 giugno 2012

L'ora nera (2011) | Recensione

L'Ora Nera
Voto Imdb: 4,9
image host
Titolo Originale: The Darkest Hour
Anno: 2011
Genere: Fantascienza
Nazione:Stati Uniti
Regista: Chris Gorak
Cast: Emile Hirsch, Olivia Thirlby, Rachael Taylor, Max Minghella, Joel Kinnaman

Segnatevi questo nome e abbiate paura: John Spaihts. Costui è lo sceneggiatore di L'ora nera ma soprattutto dell'imminente Prometheus, ultima opera di Ridley Scott che segna il suo grande ritorno alle atmosfere di Alien.

Ora, se c'è qualcosa in cui L'ora nera fa davvero pietà, è la trama. Spero che capiate il mio sconforto quando mi sono imbattuto in questa tragica verità. Da tempo aspetto con ansia Prometheus, e mi ritrovo fra le mani questo filmaccio. Avrei preferito continuare ad aspettare restando nella mia beata ignoranza. Il titolo italiano, tralaltro, è raccapricciante. 

Il regista non so chi sia. Di attori famosi c'è giusto Rachael Taylor (la bionda), incontrata nel primo Transformers e nel telefilm remake Charlie's Angels (2011). Gli altri sono onesti mestieranti arrivati dal mondo delle serie tv.

Solo un'attrice ha la posa corretta; le altre
sembrano fare lo scherzo del clistere. Yo!

L'ora nera è un film di fantascienza, e parla di qualche ragazzo americano che, a Mosca, si ritrova coinvolto in un feroce attacco alieno. La loro sarà una dura lotta per la sopravvivenza. 
Letta così, per quanto canonica, la trama fa sperare in un film fichissimo.

Niente di più sbagliato, e per farvelo capire vi racconto tutta la trama, quindi occhio: qui ci sono spoiler a manetta. Se davvero avete voglia di farvi del male e vedere questo film, saltate il prossimo paragrafo.

La Trama - Spoiler!
Il Buono Figo e il Buono Intelligente sono a Mosca per cercare di vendere il loro innovativissimo software che rivoluzionerà il mondo dei social network: in pratica facebook per rimorchiare. Si presentano alla riunione e... ta-daaaaa! Il Collega Stronzo è già lì che ha piazzato il loro prodotto e si è intascato i soldi dei magnati russi. Sì, se siete assaliti da una strana sensazione di déjà vu, avete ragione: è praticamente la storia di Mark Zuckerberg e Facebook. I nostri eroi cosa fanno? Invece di inchiodarlo al muro con i famigerati Tablet Rotanti, vanno a sballarsi in una discoteca moscovita. Grazie al loro fichissimo software, lì incontrano due ragazze americane: la Ragazza Mora Simpatica e la Ragazza Bionda Cretina. La Ragazza Mora decide che il Buono Figo non è il suo tipo, così le coppie sono presto fatte: Figo+Bionda e Intelligente+Mora. Lì incontrano di nuovo il Collega Stronzo, che li prende pure un po' per il culo, ma... niente: neanche un buffetto. Finalmente, quando il tedio inizia a fare capolino, arriva l'attacco alieno. Ovviamente i protagonisti capiranno che sono alieni solo a metà film, ma noi lo sappiamo già. Codesti alieni sono quasi invisibili, e hanno una barriera elettrica che quando tocca qualcuno, lo polverizza letteralmente assorbendone l'energia. Ovviamente nella discoteca parte la strage, e sopravvivono giusto i nostri 5 eroi. Qui il primo grosso (ma silente) colpo di scena: le coppie in realtà sono Figo+Mora e Intelligente+Cretina. Non chiedetemi quando si sono scambiati i ruoli, ma è andata così. Qualcuno dei quattro - non ricordo più chi - scopre che per capire se gli alieni sono in giro, basta girare con una lampadina legata al collo. Se questa si accende, beh, in realtà sei fottuto perché l'alieno è già lì. I nostri passano un po' di tempo rinchiusi in un centro commerciale, lo Stronzo riesce a far accoppare qualcuno pur di salvarsi la pellaccia, ma poi mUore. Perché ha visto una luce in un palazzo e, cercando di salvarsi, si getta fra gli alieni. I nostri si dirigono verso la luce e... magia! Lì vivono la Ragazzina Russa Sveglia e lo Scienziato Pazzo (anche se prima era una specie di netturbino) che nel giro di poche ore è riuscito a crearsi una gabbia di Faraday in tutto l'appartamento per non farsi beccare dagli alieni. E fra l'altro, visto che di tempo ne aveva in abbondanza, riesce pure a creare un'arma stile-ghostbusters che dovrebbe cuocere a microonde gli alieni. Non ha però il tempo di provarla perché a causa della Ragazza Cretina, mUore. E mUore pure lei. I nostri sentono alla radio la notizia che un sottomarino nucleare partirà la mattina dopo, e salverà i superstiti. Poi sempre i nostri incontrano un gruppo di ribelli russi che affermano con sicumera che per raggiungere il punto di salvataggio ci vogliono cinque settimane (!). Ma loro, che sono veramente cool, ci impiegano una notte (!). Durante un attacco alieno, per salvare la Ragazzina Russa Sveglia, mUore pure il Buono Intelligente. Fra l'altro ad un certo punto, avviene una bella esplosione: un minuto prima i protagonisti erano in riva al fiume, un minuto dopo la Ragazza Mora si ritrova in un deposito di autobus (!). Parte la missione di salvataggio. Ok, evito di andare avanti: si salvano il Figo, la Mora e la Sveglia russa. I russi, invece di salire sul sottomarino, decidono di restare a Mosca. Domani chissà, parte la resistenza.

Bella cagata, vero? Si salvano giusto la fotografia (belle le immagini di Mosca) e qualche effetto speciale. La sceneggiatura presenta dei clamorosi buchi narrativi, e un po' il tutto manca di ritmo e suspance. Fra l'altro, non è nemmeno un film low-budget: è costato circa 40 milioni di dollari, mica pizza e fichi! Se qui soldi li spendevano mandandomi un bonifico bancario, era meglio.

Non mi resta che rimandarvi al...

Il Pagellone!
Così è deciso!
Trama: 3
Già detto tutto.
Musiche: 6
Discrete.
Regia: 5
Pochi guizzi.
Ritmo: 5,5
Non malaccio, ma si poteva fare di più.
Violenza: 5
Qualcuno mUore, ma nulla di eclatante
Humour: 2
L'unico umorismo presente è quello involontario...
XXX: 0
Niente fan service.
Voto Globale: 4
Bocciato praticamente su tutta la linea!


Immagini di attrici e attori: Rachael Taylor, e altri due.

image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host

Scene tratte dal film.

image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host image host

4 commenti:

  1. Il mondo è bello perché è vario. Uno dei pochi film belli che ho visto negli ultimi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non immagino quelli più brutti che hai visto.

      Elimina
  2. Se Emile Hirsch non è famoso... O_O mai visto Into the Wild, tanto per dirne uno?

    RispondiElimina
  3. Sinceramente non concordo a pieno con i tuoi voti. A me il film trama, e qualche attore a parte, non è che sia dispiaciuto così tanto. OK non è un film da ricordare negli annali ma secondo me un 6 stiracchiato lo merita.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...